Terapia a onde d'urto Storz - ultima generazione a Roma

DUOLITH SD1 "ultra"


Modularità innovativa.

Vieni a scoprire il macchinario di ultima generazione al Colombo.

 

Rappresentano una delle più recenti ed efficaci terapie extracorporee per il trattamento di alcune patologie dell’apparato muscolo scheletrico......

L’Onda d’urto è un onda acustica ad alta energia erogata in modo diverso in rapporto al generatore che si utilizza; si differenzia da altre onde acustiche (ad es. gli ultrasuoni) perché non è un’onda continua, ma è costituita da impulsi singoli di elevata intensità della durata di micro-secondi che non producono alcun effetto termico. 



Che cosa differenzia le onde d’urto rispetto alle terapie tradizionali quali ad esempio gli ultrasuoni, la magnetoterapia, le infiltrazioni? I trattamenti fisici tradizionali non vanno oltre il tentativo di controllare l’infiammazione ed il sintomo dolore; sono pertanto trattamenti “passivi” in quanto non intervengono sulle cause responsabili della malattia. Viceversa le Onde d’Urto inducono degli “effetti biologici” intervenendo all’origine della cascata di eventi responsabili dell’infiammazione e del dolore. Il loro meccanismo di azione è riconducibile ai seguenti effetti:



1- Effetto antalgico che si realizza attraverso il rilascio locale di endorfine (sostanze prodotte nel nostro organismo) e l’inibizione di recettori specifici responsabili della trasmissione degli stimoli dolorosi. 


2- Effetto antinfiammatorio che si realizza attraverso un aumento della vascolarizzazione nelle zone interessate mediante la formazione di nuovi vasi sanguigni (cosiddetto “effetto cavitazione”) con conseguente riparazione di micro- lesioni e miglioramento del trofismo dei tessuti.

Le Indicazioni Cliniche in Ortopedia sono rappresentate da:


- tendinopatie degenerative e/o calcifiche della spalla (periartrite scapolo-omerale;)
- epicondilite ed epitrocleite;
- spina calcaneare e fascite plantare;
- tendinite inserzionale dell’achille;
- tendinite rotulea
- borsite trocanterica;
- stiramenti e strappi muscolari;

banner duolith sd1 ultra 001


Le controindicazioni assolute al trattamento sono rappresentate da:



- alterazioni congenite o acquisite della coagulazione;
- gravidanza;
- pace-maker
- infiammazione cutanee o infezioni nella zona da trattare;

- cartilagini in accrescimento in prossimità del campo di applicazione. 


Le controindicazioni relative sono rappresentate da 


- lacerazione della cuffia dei rotatori 

- tendinopatie associate a grave artrosi gleno-omerale 






Il trattamento vero e proprio dura tra 10 e 15 minuti, ed è ben tollerato: il numero delle sedute e la loro frequenza variano a secondo della patologia da trattare. Nell’80% dei pazienti sono sufficienti tre, quattro sedute con frequenza settimanale o quindicinale. Immediatamente dopo il trattamento e nelle successive 4-5 ore si ha una diminuzione del dolore, dopo 24-48 ore è talvolta possibile una riacutizzazione transitoria della sintomatologia dolorosa. La terapia può essere ripetuta senza alcun effetto negativo sull’organismo.