INTOLLERANZE

 

Negli ultimi decenni le abitudini alimentari sono profondamente cambiate. Lo sviluppo dell'economia, i contatti con altre culture, i grandi mutamenti sociali, la spinta a raggiungere un più elevato tenore di vita, la diffusione della pubblicità hanno spostato l'attenzione dei consumatori, con maggior frequenza e in più larga misura, verso quei generi alimentari un tempo considerati elitari e pregiati. La possibilità di nutrirsi con una maggiore varietà e abbondanza di cibi ha portato benefici e la scomparsa pressoché totale delle cosiddette carenze nutrizionali mentre, la tendenza a mangiare più del necessario, spesso accompagnata da squilibri fra i componenti della dieta, ha portato gli italiani ad essere più esposti a gravi rischi.

UN’ALIMENTAZIONE ECCESSIVA PUÒ PORTARE A:


• infarto del miocardio

• maggiore incidenza di obesità

• ipertensione

• arterosclerosi

• diabete


La corretta alimentazione è dunque fondamentale per una buona qualità di vita. La salute infatti si conquista e si conserva soprattutto a tavola, imparando fin da bambini le regole del mangiare sano e ricordandosi che, se si vuole perdere qualche chilo, o in caso di disturbi e allergie connesse all’alimentazione, è necessario rivolgersi al medico e mai alle “diete fai da te”.

Dott.ssa Adele Marci, Nutrizionista omeopata   |  Dott.ssa Antonella Chiechi, Endocrinologa-dietologa   PER APPUNTAMENTI +39 06 596499