esami radiologici roma

  • Cone Beam

    La rivoluzione digitale in campo medico

    In un’epoca storica in cui tutto viene ri-letto e ri-disegnato in chiave digitale, in cui tutta la comunicazione avviene in tempo reale on line, a scapito di qualche buona norma di una più tradizionale forma di scambio, del tutto positiva è la valenza “digitale” che assume la rivoluzione post-moderna nel campo medico e della ricerca diagnostica.


    Radiologia Odontoiatrica Digitale

    A questo proposito entriamo subito a piè pari nel campo odontoiatrico e nello specifico nello scenario della radiologia odontoiatrica, per annunciare un nuovo strumento di diagnosi, il “Cone Beam”.
    L’esame radiografico è alla base della diagnostica in campo odontoiatrico. Per comprendere meglio il quadro clinico di un paziente, il medico dentista effettua delle radiografie che gli saranno utili nella formulazione di una diagnosi e di un piano terapeutico adeguato.

    Cone-Beam-radiologia-odontoiatrica-digitale

    Il Cone Beam è una nuova apparecchiatura in campo odontoiatrico per scansioni in 3D ad alta risoluzione con bassa esposizione alle radiazioni. I pazienti sono fermi mentre la macchina esegue una singola rotazione intorno alla loro testa in 10-15 secondi. I dati vengono ricostruiti in un 3D immagine utilizzando un software specializzato. Le immagini permettono a medici e a dentisti di visualizzare rapidamente denti ed ossa facciali facilitando la diagnosi e migliorando così anche i risultati del trattamento.

    Il Cone Beam consente di raccogliere moltissime informazioni utili per una migliore programmazione e precisione degli atti chirurgici con una dose estremamente bassa di radiazioni, paragonabile a quella ricevuta in seguito a 2-7 ortopantomografie o all’esposizione da 3 a 6 giorni alla radiazione di fondo (BERT Background Equivalent Radiation Time, accettabile anche per le indagini su pazienti in giovane età.

    Il software proprietario, a differenza dei comuni software Dentascan, consente di trattare i dati operando attivamente su tutto il volume acquisito. In tal modo il volume può essere sezionato secondo tutti i piani e, particolare fondamentale, inclinato a piacere, consentendo ricostruzioni secondo il piano anatomico ottimale per ciascuna delle strutture di interesse, che sono di solito orientate diversamente tra loro.

    Aree di intervento dell'esame

    • Scenario preimplantare
    • Turbe della dentizione ( ove ve ne sia la necessità clinica ) e degli ottavi malposti e/o ritenuti
    • Flogosi preiodontali circoscritte o diffuse
    • Lesioni cistiche e similcistiche
    • Displasie osteo-fibro-cementizie e delle formazioni addensanti in genere
    • ATM
    • Seni paranasali, anche in previsione di interventi di rialzo del pavimento del seno mascellare

     

    Sintesi dei punti di forza

    • 80% di radiazioni in meno!
    • Migliori radiografie e migliori cure
    • Elaborazione di immagini (variazioni della luminosità e del contrasto, ingrandimento per lo studio dei dettagli, misure di distanza e di densità, etc.)
    • Esami 2D e 3D
    • Cefalometrica laterale 2D
    • Cefalometrica frontale 2D
    • Tomografia computerizzata 3D
    • Miglioramento della qualità del lavoro
    • Archiviazione digitale delle immagini, recuperabili anche a distanza di tempo
    • Stampa in più copie ed archiviazione su CD
    • Trasmissione delle immagini via email
    • Assenza di prodotti chimici ( ecologicamente corretta )

    Per informazioni più dettagliate contattare il numero 06.59.64.99

    oppure scrivici a reception[@]colombolab.com



    Orario prelievi

    Dal lunedì al Venerdì 7,00 - 13,00
    Sabato dalle 7,00 alle 12,00


    Orari di apertura

    Lunedi - Venerdì 07:00 - 20:00
    Sabato 07:00 - 13:00
    Email info[@]colombolab.com
    Telefono +39 06 596 499



  • Esami radiografici Roma

    La radiografia del sistema scheletrico 

    La radiografia del sistema scheletrico intende studiare un segmento scheletrico - mano, polso, gomito, piede, avampiede, etc... o di un distretto - torace, addome - attraverso l'utilizzo di radiazioni elettromagnetiche di tipo X, prodotte dall'apparecchiatura radiologica che, attraversando il corpo del paziente, formano su un sistema fotosensibile l'immagine del segmento o distretto indagato. L'immagine ottenuta viene studiata ed interpretata ai fini della terapia.